Soddisfazione per la C2: con il Giallo Dozza si torna alla vittoria

17 Nov 2019

Rugby Pieve 1971-Giallo Dozza Rugby 53-7 (41-7)

Rugby Pieve: Artioli, Bertelli (Cevolani), Mandrioli, Cacciari, Aleotti (Zanelli), Rosso, Taddia (Papi), Levorato, Lombardi, Serra, Preda (Franco), Gambacorta, Lindelli, Pritoni, Guidetti. A disposizione: Marchesini

Marcatori: 5′ m.Aleotti, 9′ m.Mandrioli tr.Rosso, 15′ c.p. Rosso, 17′ m.Mandrioli tr.Rosso, 25′ m.Bertelli tr.Rosso, 30′ m.Preda tr.Rosso, 34′ m.Pritoni, 39′ mtr. Giallo Dozza, 59′ m. Bertelli, 79′ m.Serra tr.Franco

Dopo la bruciante sconfitta contro il Castel San Pietro arriva un pronto riscatto per la C2 di Pieve che nel match disputato all’interno del carcere della Dozza vince e convince, portando a casa 5 punti e un bel 53-7 come risultato finale.

La squadra “di casa” dei biancoblu parte a razzo, organizzando le fasi iniziali con degli ottimi avanzamenti della mischia (sugli scudi Pritoni e Lindelli) e riuscendo a tenere un ritmo di gioco molto alto che manda in difficoltà la difesa gialla, pure molto attenta vicino ai raggruppamenti: arrivano cosi i primi 15 punti del match, con mete per Aleotti e Mandrioli (e un calcio piazzato) che indirizzano da subito la contesa. Sciolta la prevedibile tensione iniziale, visto anche l’ambiente particolare in cui si è disputato il match, i biancoblu prendono possesso del campo e riescono a innescare anche i trequarti con buone azioni alla mano, e arrivano ancora le mete di Mandrioli (sicuramente tra i migliori in campo per Pieve), e Bertelli che finalizza un ottimo avanzamento di Levorato da mischia chiusa, per il punto di bonus conquistato già al 25′. Non paghi, i ragazzi bolognesi continuano a spingere sfruttando il dominio pressochè totale sulle fasi statiche, e trovano ancora una meta di forza con Preda, abile a sfruttare un varco dopo una serie di pick’n go. Il primo tempo però non è ancora finito, perchè Pritoni corona la sua ottima prova andando a recuperare un pallone vagante prima di battere praticamente tutta la squadra avversaria e andare a marcare per il 41-0 parziale. Sull’ultima azione del primo tempo c’è il primo (e unico) calo d’attenzione del Pieve, che concede una meta ai ragazzi in giallo da un errore su una presa al volo. La ripresa inizia con un furioso attacco dei giocatori della Dozza, che per i primi 15′ cercano senza sosta una seconda meta per il proprio orgoglio, ma la difesa di Pieve risponde sempre presente, e alla prima sortita offensiva è di nuovo Bertelli a marcare la seconda meta personale. Negli ultimi 20′ i biancoblu effettuano molti cambi, andando a sperimentare anche alcune nuove situazioni tattiche e il ritmo di gioco si abbassa parecchio, ma nonostante questo proprio all’ultima azione di gioco è Serra a sfondare la linea difensiva avversaria dopo l’ennesima avanzata corrosiva del pacchetto di mischia: il fischio finale arriva sul 53-7.

Una bella iniezione di fiducia per i ragazzi pievesi, che venivano da un paio di partite sicuramente non convincenti: ora una settimana di pausa prima del match di Ravenna, in programma l’1 dicembre.