Il Pieve inizia al meglio il suo 2020 segnando 75 punti al Giallo Dozza

12 Gen 2020

Giallo Dozza Bologna Rugby-Rugby Pieve 1971  11-75 (6-35)

Rugby Pieve: Artioli (Taddia), Franco (Marchesini), Mandrioli, Zucchelli (Balboni), Aleotti, Rosso, Papi (Cevolani), Lombardi, Serra, Cacciari (Preda), Gambacorta, Zanelli (Arnoffi), Supino, Pritoni, Guidetti (Lindelli).

Marcatori: 6′ m.Zucchelli tr.Rosso, 11′ c.p. Giallo Dozza, 15′ m.Aleotti tr.Rosso, 19′ m .Zucchelli tr.Rosso, 22’m.Serra tr.Rosso, 29′ c.p. Giallo Dozza, 36’m.Guidetti tr.Rosso, 43′ m.Pritoni tr.Rosso, 48’m.Artioli tr.Rosso, 50’m.Pritoni tr.Rosso, 53′ m.Artioli, 62′ m.Balboni tr.Rosso, 68′ m.Serra tr.Rosso, 80’m.Giallo Dozza.

Un Pieve cinico e concreto ma tutt’altro che spettacolare ha largamente la meglio nel match di ritorno sul Giallo Dozza. La resistenza dei padroni di casa dura appena 15 minuti, poi i biancoblu dilagano, superiori in ogni aspetto del gioco, fino all’11-75 finale.

Nonostante alcune assenze (Levorato, Preghiera, Govoni ancora fuori per infortunio e Bertelli influenzato) i ragazzi di Pieve si presentano all’impegno alla Dozza in buona forma e determinati a risolvere il prima possibile la contesa conquistando, se possibile, anche i 5 punti. Nelle fasi iniziali il domino territoriale pievese è evidente, ma i gialli si difendono con orgoglio, e arrivano al 15′ sul 3-7, frutto di una meta di Zucchelli e di un calcio di punizione ben trasformato dall’apertura di casa. Quando finalmente però Pieve riesce a mettere in mostra un gioco ordinato e pulito, con cinque fasi ben strutturate manda in meta Aleotti alla bandierina. Rosso trasforma e gli argini della Dozza si sciolgono: Zucchelli e Serra trovano le mete che valgono il punto di bonus già dopo 22 minuti, la mischia e la touche pievesi sono dominanti e lasciano ben pochi palloni ai padroni di casa, che hanno però il merito di non arrendersi e trovano il calcio piazzato del 28-6. Nel finale di primo  tempo accade l’episodio che chiude definitivamente la partita, con Guidetti che riesce a trovare di forza la via della meta e un giocatore di casa protesta con troppa veemenza venendo dunque espulso dall’arbitro: sotto per 35-6 e di un uomo non c’è più partita per i ragazzi della Dozza, che nel secondo tempo cedono di schianto, subendo altre 4 mete nei primi 15 minuti (doppiette per Pritoni e Artioli, che finalizzano delle belle azioni di squadra rapide e corali) prima di avere una reazione che gli consente almeno di limitare il numero di mete subite. Lo staff di Pieve opera allora una serie di cambi, dando tra gli altri minuti di gioco preziosi a Taddia e Preda, di rientro dai rispettivi infortuni, e il ritmo si abbassa parecchio, con i ragazzi in campo che commettono anche alcuni errori tecnici e gestuali un po’ grossolani. Nel finale arrivano altre due marcature per Pieve, che manda in meta Balboni in mezzo ai pali dopo una bella ripartenza di Lombardi da mischia e Serra che sfrutta un’azione multifase dei trequarti per tuffarsi alla bandierina. Proprio all’80esimo, quando i giocatori ospiti hanno già la testa sotto la doccia da troppi minuti, un bel buco trovato da una seconda linea di casa consente al Giallo Dozza di marcare la meritata meta della bandiera.

La seniores di Pieve termina dunque il primo mini-girone di C2 in testa al proprio raggruppamento, in attesa di conoscere i risultati delle ultime partite e dei recuperi. Il prossimo impegno sarà il 16 febbraio contro la cadetta dell’Amatori Parma.